mercoledì 30 gennaio 2008

Altre immagini invernali

La zona di Cortina d'Ampezzo è senz'altro la più famosa, non per niente chiamata Regina delle Dolomiti e il gruppo delle Tofane, sopratutto nella stagione invernale, è uno dei più fotografati.
Allora ho cercato di riprodurre le Tofane dal versante di Cortina, quindi viste da Est, nella stagione invernale. Le immagini sono limitate alle cime, il gruppo è molto vasto e per le zone periferiche ho scarso materiale fotografico.
Ecco la prima immagine:

La classica vsita da Cortina, ben visibili i versanti Est, quello della Tofana di Dentro e della Rozes sono molto innevati, la Tofana di Mezzo, dove arriva anche la funivia,al contrario è tutto roccioso.
La prossima immagine è una vista da più vicino della Tofana di Mezzo, per far notare l'aspetto roccioso ben distinguibile e inciso, anche in questo caso la parete verticale non ha presentato problemi.

Nell'ultima immagine è ancora più evidenziato questo aspetto della parete verticale con una vista dall'alto.

Come vi dicevo il progetto degli scenari invernali, è forse un po' troppo ambizioso, mancano le ortofoto e il materiale fotografico è limitato rispetto a quello estivo, comunque le immagini che vi ho proposto sono, "vox populi", di gran lunga più belle rispetto a quelle estive.

martedì 29 gennaio 2008

dedicato all'Inverno

Per la montagna l'inverno è da sempre considerata la stagione più affascinante, e poter "gironzolare" in aereo tra stupende dolomiti innevate non è certo una cosa da poco (l'amico Andrea sa bene quello che dico). Il messagio di Raimondo (fare scenari in tardo autunno) è indubbiamente il compromesso ideale tra l'estetica (anche l'occhio vuole la sua parte) e la funzionalità (tutti gli scenari a disposizione sono in pratica estivi). Potrebbe essere una buona soluzione, anche se nel tardo autunno le piante e la vegetazione in generale assumono colorazioni molto forti (gialle,rosse...). Il progetto dovrebbe ovviamente limitarsi ad una zona ben precisa; la meglio di tutte, secondo me, sia per la fama che per la bellezza naturale potrebbe essere il Cadore e l'Ampezzano, in pratica da Tai di Cadore a Cortina d'Ampezzo. In questa grande vallata ci sono montagne stupende :Antelao, Sorapis, Pelmo,Tofane,Cristallo, Pomagagnon, Cinque Torri...insomma una bella collezione!
L'impegno sarebbe tale che potrebbe occuparmi per tutto l'anno o quasi, in pratica scenari sia estivi che autunnali(con neve sui monti) e chissà mai anche invernale con neve anche in valle. Insomma per ora teniamo il progetto come "possibile", bisogna lavorarci sopra non poco...
Intanto godetevi questa foto delle Tofane invernali con sullo sfondo l'Antelao (sempre invernale).

una piccola preview di quello che si potrebbe vedere ...chissà!
L'elaborazione che vedete è dimostrativa e limitata al versante Nord-Ovest delle Tofane; l'Antelao, come avete visto nel post precedente, invece è già stato in parte elaborato anche per la stagione invernale.

domenica 27 gennaio 2008

L'irresistibile fascino della neve!

Approfittando delle belle giornate ho fatto un giretto a Cortina e...ovviamente ho scattato un po' di foto alle Tofane, al Sorapis e all'Antelao in versione invernale. Le dolomiti sono sempre stupende ma con la neve hanno un fascino Magico, Irresistibile!
E visto che conoscevo molto bene l'Antelao (già costruito in versione estiva) ho provato una versione invernale con tutto il materiale fotografico aggiornato (Andrea mi ha fornito anche le foto dei versanti Sud e Est), ed eccovi una preview:

Una gran bella montagna che nella versione invernale ha ancora più fascino!
Il problema dei scenari invernali sta nel fatto che tutti gli addon photoreal sono stati creati nella stagione estiva e ovviamente senza neve. Uno scenario invernale inserito in uno scenario estivo diventa improponible! Però visto che alle nostre latitudini l'aspetto invernale in montagna può durare anche diversi mesi, cosa si può fare? Abbiamo 2 possibilità
1) Togliere dalla lista scenari le regioni estive ed inserire solo quelle invernali
2) Fare scenari invernali almeno comprendendo le valli limitrofe!
La prima soluzione è la più semplice anche se ci priverebbe dello scenario delle vallate sottostanti le montagne "rifatte".
Per la seconda, la più completa ed "estetica", occorre molto più tempo e soprattutto tante ortofoto in versione invernale. Forse con l'aiuto di amici piloti la cosa non è poi impossibile!
Mi sono anche chiesto, ovviamente, se vale la pena tutto ciò!
La risposta a questo punto potreste darmela voi!
Metto il sondaggio in alto a destra

venerdì 25 gennaio 2008

Tre Cime : in Download

Ecco finalmente il link dello scenario delle Tre Cime. E' stata una bella sfida e spero che il video vi sia piaciuto. Inserisco anche la mappa per facilitare il riconoscimento della zona delle Tre Cime, eccola:

Se si vuole andare subito nella zona basta seguire tutti i parametri indicati a sinistra, come al solito consiglio una visione estiva e nelle ore centrali della giornata.

Allora il lavoro della terza versione delle Tre Cime di Lavaredo è completato, chissà se ci sarà anche una quarta versione...magari con le mesh nuove, vedremo.
Il file è LAV N8.bgl è di soli 12 MB e va inserito come al solito nella cartella scenery della Cartella Tre Cime (o come volete chiamarla voi),sempre in addon-scenery.
ecco il link
Buon volo sulle Tre Cime...

giovedì 24 gennaio 2008

Tre Cime : il Video dimostrativo

Rispondo ai commenti che ho ricevuto. Avere un riconoscimento così importante da Raimondo Taburet (un maestro del photoreal) è solo un onore, Grazie!.
Per quanto riguarda le mesh, per rispondere a Vigilius, purtroppo occorre avere tutti i dati necessari di lvello del terreno, sinceramente non saprei dove trovarli, chiedo aiuto allo stesso Raimondo se esistono altre soluzioni. L'amico che mi chiede (giustamente) di poter decollare da un aeroporto più vicino alle Dolomiti tipo Belluno o addirittura Cortina, beh! non saprei cosa rispondere; so che esistevano degli addon che riguardavano le meno famose ma molto numerose "aviosuperfici" minori (probabilmente anche Belluno) erano però per FS9, non so se "girano" anche su FSX.
Allora questa sera ho pronto un piccolo video che precede come al solito il link per il download, probabilmente domani sera.
E' ilsolito giretto intorno alle Tre Cime...non c'è nessuno da salvare questa volta!!

La qualità del video ovviamente non rende "giustizia" allo scenario, i dettagli sono ad alta risouzione e nel video in pratica non sono visibili...il video è solo una piccola dimostrazione delle caratteristiche dello scenario, pensate io lo vedo 2560x1600 (è tutta un'altra cosa!!).

mercoledì 23 gennaio 2008

ed ecco la NORD

Come vi ho già spiegato, il problema della parete verticale o strapiombante, come quelle della parete Nord delle Tre cime, è una delle difficoltà maggiori da risolvere.
Si sommano poi altri ostacoli, come le mesh (i livelli del terreno) non precise, gli inevitabili difetti di FSX (anche se meglio dei precedenti FS), soprattutto l'effetto blurry (sfocature) e inoltre le ombre, macchie e quant'altro per dare l'effetto sul terreno della "luce solare" ...non volglio ancora dilungarmi su questi aspetti negativi , ma solo puntualizzare che lo scenario sul "disegno" rispecchia sempre fedelmente (almeno il più possibile) la realtà, utilizzando foto reali e molto dettagliate, è poi la presentazione in FSX che in alcuni casi viene penalizzata.
Comunque il lavoro anche sulla parete Nord sta procedendo. A questo proposito ringrazio l'amico ANDREA che mi ha fornito delle bellissime foto.
ed ecco la prima preview vista da Nord:

Sembra tutto semplice, oviamente non è così. Pensate che ho dovuto utilizzare programmi di trasormazione prospettica dell'immagine per poter mantenere le stesse caratteristiche delle pareti. Quelle macchie che vedete bene sia sulla Grande che sulla Ovest sono presenti anche sull'originale (dovute al degrado della roccia dolomitica alle intemperie)e non vengono fortunatamente cambiate da FSX e soprattutto non ne aggiunge altre, almeno in certi orari del giorno. Le foto che ho utlizzato sono state scattate in estate e nelle ore centrali del giorno.
Ecco una immagine più da vicino; ho preferito la visione da Est perchè mantine una certa prospettiva più reale dove la cima Grande è la più alta. Nella vista invece frontale l'errore delle mesh posiziona la Ovest come più alta.

Occorrono ancora alcune rifiniture nelle zone periferiche, altri aggiustamenti di tonalità e poi entro la settimana lo metto in rete.

martedì 22 gennaio 2008

Continua la sfida

Grazie a Vigilius,Kappa e il "maestro" Ray...per le "nomination" ricevute.
Allora ho altri due screenshots della parete Sud in via di ultimazione, domani sera inizio ad affrontare le pareti Nord delle Tre Cime.
La prima foto è una vista dal Rif.Auronzo, da SUD-OVEST e le Tre Cime sono quindi prese dal basso.

Non è una foto vera "icollata" è proprio così lo scenario (un amico aveva un dubbio).
La seconda foto è invece presa da SUD-EST quindi con in primo piano la Cima Piccola di Lavaredo.

Il versante Sud come ho detto è quasi terminato, devo solo rifinire le zone dei ghiaioni sottostanti... e poi tocca alla Nord...è lì che c'è la sfida.
Quindi alla prossima ...

lunedì 21 gennaio 2008

La sfida delle sfide: Le tre Cime di Lavaredo

Il titolo è forse un po' troppo da "film dell'avventura" o da" missione impossibile", ma solo per rendere l'idea delle difficoltà nel costruire uno scenario photoreal basato su tre "monoliti" strapiombanti!
Il problema delle pareti verticali in questo caso è portato all'estremo, come vi ho spiegato nel precedente post, riuscire a dare una giusta "fisionomia" a pareti strapiombanti presenta molte incognite. Prima di tutto come riuscire a dare il colore giusto, poi le macchie tipiche di queste pareti e non ultimo la concordanza cromatica tra rocce esposte al sole e quelle sempre in ombra, come sono le pareti nord delle tre cime...Insomma avete capito le difficoltà!
L'aspetto purtroppo inevitabile, in questo caso, è quello di una parete un po "slavata" o come qualcuno mi ha suggerito un po' "liquida" come se avessimo gettato della pittura dalla cima verso la base. L'importante è , come ho detto prima, mantenere almeno un colore realistico.
Il Lavoro sta procedendo, spero entro la settimana di terminarlo. Le prime immagini che vi metto in preview sono riguardanti la parete SUD. E' la vista dal Rif.Auronzo, (dove si parcheggia la macchina). Questa sarebbe l'immagine delle Tre Cime da Sud originale, senza la mia elaborazione:

Molto poco riconoscibili, praticamente "anonime"...
Ed ecco sotto la prima elaborazione che ho fatto, utilizzando il sistema ormai collaudato:

Non c'è paragone... la parete Sud tutto sommato non ha presentato particolari difficoltà ed il risultato mi sembra già buono. La vera "sfida" è il versante Nord, che, oltre che essere strapiombante, è anche totalmente in ombra!
Nei prossimi giorni vi darò qualche preview.
Volevo avvisarvi anche che ho inserito nella colonna a destra i link di precedenti scenari delle Alpi occidentali e centrali.
Ricordatevi sempre nell'installazione il principio di "priorità" di FSX ...lo scenario più in alto ha sempre la precedenza (quindi viene visualizzato), questo vale anche per i files bgl all'interno della cartella scenery. Ad es. se installate lo scenario del Cervino 3 ricordatevi che tutti i files della vers.2 devono essere sotto, altrimenti si potrebbero verificare molti problemi di sovrapposizione o comunque rendere lo scenario inguardabile.
Un ultima cosa...le mesh! Se non avete mesh buone lo scenario può perdere tutte le sue caratteristiche "photoreal". Io utilizzo LOD11 a 19 mt. a questo indirizzo:
http://www.gratisim.fr/Alain-RAGOT-c30s.html

domenica 20 gennaio 2008

I prossimi Scenari Alpini

Sono in attesa che l'amico Andrea torni con tante foto dettagliate dalla "spedizione aerea" con missione "Antelao in versione invernale".
Ritornando al post scritto ieri sera, spero di essere stato esauriente sui "difetti" di FSX per quanto riguarda gli scenari. Esistono però, rispetto a FS9, dei grandi vantaggi che, per chi ama guardare i panorami, sono decisivi per la scelta del simulatore. Fsx ha una potenziale risoluzione fino a 7 cm/pixel (cosa impensabile per FS9) e quindi permette di arrivare a dettagli fino a ieri impossibili. E' stato anche promesso dai super esperti di "casa MS" che forse con i futuri SP si riuscirà a migliorare l'effetto blurry (sfocature)...insomma il trend è verso un netto miglioramento anche per l'aspetto scenari.
A questo punto "cosa bolle in pentola" in casa Frank...
come detto, se avrò del buon materiale fotografico potrei anche provare una versione invernale dell'Antelao (sarebbe il primo scenario invernale in assoluto).
Sto affrontando da un po' di tempo uno scenario molto, molto richiesto : Le Tre Cime di Lavaredo!! Questo è per così dire la sfida delle sfide, qui non ci sono pareti verticali, ma strapiombanti, quasi impossibili da ricolorare e "ricreare". Sto studiando un sistema di trasformazione in prospettiva...ma c'è purtroppo un grosso handicap di base: le mesh a 19 mt. penalizzano questo stupendo gruppo cambiando non di poco la loro "fisionomia". controllate l'immagine sotto (vista da Nord, la più classica) è tratta dall'ortofoto originale e senza nessuna elaborazione :

la linea rossa è nient'altro che la sagoma "ricalcata" del gruppo reale, come dovrebbe essere, noterete che la Cima grande (quella centrale) è in realtà più alta della Ovest, non così per le mesh e la stessa Cima Ovest ha un profilo troppo a punta. Purtroppo in questo momento non ho a disposizione altro di più dettagliato. Un altro problema, come vi dicevo, sono le pareti strapiombanti, guardate quest'altra foto (vista dall'alto):

Lo spazio indicato dalle freccette rosse è veramente esiguo (sono ben 600 mt.in realtà) per poter ricreare le caratteristiche della parete. Come vedete la sfida non è semplice. In compenso, essendo il gruppo dolomitico più fotografato in assoluto, ho parecchio materiale fotografico per poterlo "ricostruire". qualche mese fa avevo fatto ben 2 versioni del gruppo con questo risultato:

La buona volontà di "assomigliare" alle Tre Cime c'è senz'altro, le macchie grige cambiano in avvicinamento (sono proprie di FSX), insomma la versione che sto studiando sarà sicuramente diversa, ci sto provando.
Vi terrò informati.

sabato 19 gennaio 2008

Alcune considerazioni sugli Scenari

Non ho visto nessun commento e nessuna richiesta di spiegazioni!...sono un po'deluso!
Tocca a me dare allora qualche spiegazione. I miei scenari, come ho detto in altre occasioni, sono il risultato di un continuo studio su nuove soluzioni grafiche per ottenere immagini sempre più vicine alla realtà. Ma purtroppo ci sono tanti limiti e soprattutto teniamo conto che chi ha costruito FS, ha dato maggior importanza, come ovvio, a tutto quello che è simulazione del volo...dove l'aereo è il vero protagonista.
Lo scenario è solo un abbellimento, un qualche "cosa" che deve "richiamare" la realtà, senza nessuna ambizione di esserlo. Molti di noi invece, sono solo dei semplici smanettoni per quanto riguarda il Volo (lontano anni-luce dall'essere dei piloti) e quindi sempre alla ricerca del panorama (visto dall'aereo) per riconoscere dei posti famosi o che ricordano qualche nostra vacanza! Insomma siamo "quelli che guardano fuori dal finestrino"...
Fatta questa doverosa premessa, torniamo ai limiti di FSX. Allora come avrete visto più volte, FSX aggiunge ombre, macchie, e quant'altro a tutti gli scenari, cercando di "imitare" gli effeti della luce solare nelle varie ore della giornata. In alcuni casi questo è un qualcosa di inguardabile! Nei miei scenari le ombre ci sono già, che derivono dalle foto che utilizzo, quindi, per vedere al meglio lo scenario occorre sapere l'ora ideale. Vi dico subito che i miei scenari andrebbero visti quasi tutti nella stagione estiva (anche se le immagini possono essere invernali) e nelle ore centrali del giorno (tra le 11 e le 14). Vedere il Cervino nelle ore serali e magari in stagione invernale ,non fa certo l'effetto che speravate! Non so se sto dicendo qualcosa di banale (per alcuni certamente) ma è anche ovvio che non tutti sanno tutto. Inoltre alcuni fastidiosi effetti, specialmente le sfocature (effetto blurry) è sempre stato e sempre sarà un difetto di FS, lo scenario di per sè è sempre nitidissimo e ben contrastato, è prorio il motore grafico di FS che non permette la nitidezza soprattutto da lontano.Un altro difetto importante è, in molti casi , l'assenza o la scarsa precisione delle mesh (livelli del terreno), io utilizzo mesh a 19 mt. (vuol dire che tra un punto di livello e l'altro ci sono 19 mt.) può certamente capitare che alcune montagne risultano mancanti (vedi Torri del Vajolet nel Catinaccio, il "pollice" nella Centrale del Sassolungo, le stesse Tre cime di Lavaredo completamente sbagliate etc...)quando avremo mesh a 7 mt. forse tutti i problemi saranno risolti! Quindi accettando questi limiti, tutto quello che gli "sceneggiatori" propongono, va valutato conoscendo questi difetti, che non dipendono affatto da chi ha creato lo scenario.
Volevo fare questa precisazione, proprio perchè mi sono accorto che molti non conoscono quasi nulla di FSX ; ho ricevuto alcune e-mail a questo proposito, dove mi venivano mosse critiche soprattutto su ombre, macchie e sfocature...che non dipendono assolutamente da me (basta cambiare ora e stagione).
Insomma godetevi il Cervino tra le 11 e le 14 e in piena estate!! come la foto sotto!

giovedì 17 gennaio 2008

Cervino vers.3: in Download

Allora spero vi sia piaciuto il video, anche se i particolari non sono molto visibili. Per chi ha scelto il download della versione 720x576 ha potuto senz'altro vedere molti dettagli delle pareti.
Eccoci arrivati anche per il Grande Cervino al Download della terza versione.
In quest'ultima versione ho utilizzato lo stesso sistema grafico che uso per le Dolomiti, in effetti anche il Cervino si difende come pareti verticali.
Lo scenario è ambientato in mezza stagione tipo primavera o autunno. A queste altitudini nevicate abbondanti ci sono anche in agosto, quindi nessun problema di scelta della stagione. Ho potuto dettagliare molto bene le pareti Sud, Est e Ovest (meno conosciuta); per la parete Nord, essendo spesso in ombra, ho avuto a disposizione poche foto e non molto dettagliate.
Una paio di foto come presentazione del mio lavoro:

La parete Sud tutta Italiana, dove si parte per la "via normale", tutta attrezzata con corde fisse e scale. La foto sotto è una vista dall'alto verso la perete Nord ed Est (tutto in territorio Svizzero) sullo sfondo noterete sia la Grand Combin che il Monte Bianco (scenari già costruiti).


Ecco il link per il Download:
http://www.rapidfile.net/?d=4B0530E02
Il file Cervino 3B.bgl (soli 13 MB) è quello relativo alla terza versione e va installato nella cartella scenery del Cervino (per chi ha già installato la versione precedente) e va posizionato in alto, sempre per i noti problemi di priorità. Per farlo basta ordinare i files presenti per data (o ultima modifica).
Per chi non ha installato la seconda versione,che consiglio vivamente, inserisco il link della zona Cervino verso Nord, come completamento, la zona è stata leggermente modificata per adeguarsi all'ultima versione. Il file si chiama Cervino 4B.bgl (12 MB) e va sempre posizionato subito dopo quello realtivo alla vers.3 .
http://www.rapidfile.net/?d=F871502D2
Buon volo...sul Cervino!
Inserite vostri commenti, richieste di spiegazioni o altro...

mercoledì 16 gennaio 2008

Cervino ver.3: il Video

Come è mia consuetudine, anche per il Cervino vers.3 ho preparato un piccolo video di presentazione, che precede la pubblicazione dello scenario...penso già domani.



Purtroppo il video non rende giustizia del tutto ai particolari, ai dettagli, dà solo una idea della qualità dello scenario, per chi volesse gustarlo invece con risoluzione 720x576 PAL tipo TV (vale la pena)eccovi l'url:
http://www.rapidfile.net/?d=025874AB2
Buona visione! sono poco più di 100 MB.

martedì 15 gennaio 2008

Cervino ver.3 Anticipazioni

Il lavoro di rifinitura sta terminando. Visto che questa versione è limitata solo alla montagna, sarà necessario installare anche la vers.precedente (la 2)per avere uno scenario più completo. Inserirò il link anche di quella. La differenza sarà certamnete visibile ma ancora accettabile, anche perchè l'occhio sarà senz'altro attratto dalla maestosità della montagna. ecco una comparazione tra le 2 versioni:
Questa che vedete in basso era la precedente, una risoluzione medio-bassa ma ancora buona

La prossima è l'ultima versione, quella attuale; la parete Nord è ancora in gran parte quella della versione 2 per mancanza di foto dettagliate dell'ultimo tratto

e questa immagine indica bene la linea di differenza...se ce ne fosse bisogno!
il dettaglio dell'ultima versione è notevole anche da vicino.

Per la parete Sud (italiana) la sovrapposizione delle due versioni non comporta particolari problemi, è visibile solo nella parte sinistra della foto e non disturba più di tanto.

Come ultima foto ...guardate l'effetto sotto la parete (Sud) come si riesce ancora ad avere dei buoni particolari e dettagli, solo negli ultimi scenari questo è possibile.

Se riesco entro domani o giovedì inserisco il link dello scenario, che comprenderà anche una parte della versione precedente (che interessa solo il Cervino).
...siete molto avari di commenti o suggerimenti...peccato!

lunedì 14 gennaio 2008

Ed ecco a voi : Sua maestà il CERVINO ver.3.0

Archiviato l'Antelao e aspettando qualche buona foto da Andrea, mi sono dedicato (complice la pioggia) ad una delle meraviglie : il Cervino o Matterhorn 4478 mt.
Tutti lo conoscono, avevo già realizzato 2 versioni alcuni mesi fa, l'ultima, che comprendeva anche tutta la zona Svizzera di Zermatt, aveva anche come completamento tutto il Monte Rosa sia nel versante Svizzero che quello Italiano. Visto i risultati che avevo ottenuto con le pareti verticali delle dolomiti...ho pensato anche a quella del Cervino sia quella Sud Italiana che quella Svizzera. Ed ecco la prima foto :

un amico ha detto "da urlo!" mai visto il Cervino così su FSX..."fotografico"!
Questa è la famosa parete Est (Svizzera) con la cresta Honrly via normale svizzera.La prossima foto è la famosissima parete Sud quella Italiana vista da Cervinia.


Da un punto di vista tecnico come scenario è la più difficile, ha una variabilità notevole e far coincidere sull'ortofoto le varie caratteristiche non è stato facile.
Utilizzando il mio sistema con una trasformazione e gioco di prospettiva, sono riuscito a riprodurla con una buona fedeltà.

sempre la parete Sud vista dall'alto...tipica veduta aerea (siamo in FSX). Noterete che a differenza della vers.2, man mano ci si avvicna il dettaglio migliora. Pensate la vers. 2.0 (miglioramento della prima) era così!!

Non avevo ancora studiato sistemi grafici particolari, quindi bastava una qualità di texture sufficiente per far apparire l'effetto roccia, da lontano non era malaccio!
Ovviamente con il sistema attuale non c'è paragone.
Ritorniamo alla vers.3. Il lavoro è stato favorito da buone foto trovate in rete e da un sistema ormai collaudato (vedi dolomiti). E' ovviamente limitato alla montagna, si può anche utilizzare senza Italvfr e senza la vers.2; consiglio però installare anche questa versione per un completamento della zona.

Entro un paio di giorni o anche prima inserirò il link per il download (meno di 13 MB), comunque mi aspetto qualche commento...ditemi cosa ne pensate!!

sabato 12 gennaio 2008

Antelao in DOWNLOAD

Finalmente ...direte!
Ad un certo punto bisogna dire ...basta!! Più di così, almeno per ora, non si può ottenere, se arriveranno altre foto sarò pronto a nuovi aggiornamenti.
Allora l'Antelao,come dicevo in altri post, si trova all'imbocco della vallata (Cadore) che porta a Cortina, una vera dolomite alta 3263mt. Non è stato facile creare lo scenario per vari motivi: la varietà delle pareti (alcune verticali), la differenza delle stesse sia come conformazione che tipo di paesaggio...insomma un concentrato di "stile alpino". Ecco la mappa dove trovarla

Per le pareti verticali ho applicato il nuovo metodo grafico per ottenere un effetto il più realistico possibile, il risultato mi sembra buono!
Bisogna certo considerare che FSX ha sempre i suoi "difetti", che non è possibile eliminare per ora, mi riferisco alle solite ombre, macchie, e soprattutto all'effetto sfocatura (blurry) molto fastidioso con la vista da lontano...per ora ci accontentiamo, solo pensare a qualche anno fa ...tutto questo non era possibile.
Ecco cosa si può vedere dal finestrino dell'aereo:

Il "realismo" è fuor di dubbio!
Allora veniamo al download : sono circa 73 MB, non molto considerando la risoluzione. A questo proposito non è possibile, come in altri casi, a qualntificarla...si tratta di un metodo basato esclusivamnete su foto. Consiglio una visione estiva (ovvimante siete liberi) e nelle prime ore pomeridiane...per il meteo "sbizzarritevi"!!
Per quanto riguarda l'effetto sfumato con lo scenario di ItalVfr di Raimondo Taburet, per la parte Sud,Ovest e Nord tutto OK, per la parete Est occore continuare con lo scenario verso Est (in una seconda versione).
ecco il link:
http://www.rapidfile.net/?d=C55B474B2
e buon divertimento!! Se avete commenti...scrivetemeli!!

venerdì 11 gennaio 2008

Antelao in "corto finale"

Ormai ci sono, grazie a qualche foto trovata in rete (appena passabili), sto portando a termine anche il versante sud. Quindi entro un paio di giorni potrò terminare l'Antelao e finalmente inaugurare il primo download della nuova versione "dolomitica".
Ecco alcune foto della montagna (che ormai già conoscete dai video)nella versione quasi definitiva:

Questa la ormai nota parete Ovest vista all'altezza di Borca di Cadore, ed ecco una inedita foto della parete Sud-Ovest:

Questa visuale è in pratica dall'inizio della vallata che porta a Cortina ed è anche la stessa che si vede dal M.Rite (dove Messner ha "installato" il museo delle nuvole).





La vista da Nord-Est è una delle più belle dell'Antelao, dove si può vedere la via di salita "normale" che parte dal Rif.Galassi (CAI Mestre), via non del tutto semplice, soprattutto se le condizioni meteo peggiorano.


L'ultima foto di questa serie è invece dedicata alla parete Nord-Ovest, la più conosciuta in assoluto, tornando da Cortina la si vede così (o quasi) dalla strada

mercoledì 9 gennaio 2008

Antelao in fase di realizzazione

Allora, già dai video avete notato che il lavoro è in stato avanzato, manca solo il versante Sud. Purtroppo di quella zona non ho molte foto, è una zona poco conosciuta.
Il mio lavoro, come ho detto, si basa su foto reali molto dettagliate (almeno 3MB) con una risoluzione >2560x1600 e con molti particolari, non è facile trovare le foto di tutti i versanti (di qualunque montagna), solitamente ci si accontenta di fotografare il versante più conosciuto, ma per chi fa scenari come me, tutti i versanti sono importanti! Ecco la zona interessata (vista dall'alto):

E' una zona che sta all'imbocco della vallata che porta a Cortina, all'altezza di Borca di Cadore e continua cn il gruppo del Sorapis.
E' mia intenzione portare a termine lo scenario entro breve.
Se l'amico Andrea (pilota aereoclub di Belluno) come promesso, mi fornirà foto dettagliate della montagna in versione invernale sarà anche possibile una seconda "edizione invernale", eccovi un'anteprima realizzata con alcune foto (di Andrea), solo della parete Nord.

martedì 8 gennaio 2008

Finalmente l'epilogo...si salverà l'alpinista?

...dopo i problemi di carburante, il maltempo, finalmente si può ripartire...
qualcuno ha avvistato l'alpinista sul ghiacciao a Nord...seguite il finale!
Comunque vada...avete visto una bella montagna: l'Antelao!


L'avventura continua ...questa volta sulla parete Nord-Est

L'alpinista non ha dato segnali... l'elicottero, nonostante le proibitive condizioni meteo, lo cerca anche sulla parete Nord-Est...riuscirà a trovarlo?...
Vi ricordo che siamo in FSX, non in un film di Spielberg!!

domenica 6 gennaio 2008

Una presentazione ,tanto per cominciare

Costruire scenari per FsX è una passione molto creativa e divertente. Da anni mi diletto in questo hobby, inizialmente poco gratificante dovuto soprattutto alla scarsa qualità grafica dei vari Flight Simulator che si sono succeduti fino all'attuale FSX, che ha permesso notevoli progressi grafici fino ad una risoluzione di 7 cm/pixel, risoluzione praticamente irragiungibile con i mezzi attuali. La materia prima per realizzare scenari fotorealistici sono senza dubbio le Ortofoto (foto Aeree) , materiale per lo più reperibile solo in rete, non sempre in modo semplice e con risoluzione che non va oltre 25 cm/pixel (comunque notevole).
In questi ultimi mesi ho dedicato parecchio tempo libero a questa passione e ho "costruito" diversi scenari delle Alpi Occidentali e Centrali :Monte Bianco,M.Rosa, il magnifico Cervino, il Gran Paradiso, La Grand Combin, molte Alpi Svizzere di confine,il Pizzo Bernina, il M.Disgrazia, L'Ortles, Cevedale, Gran Zebrù ... con una risoluzione di 50 cm-1mt/pixel e utilizzando in molte occasioni foto "vere". Per quanto riguarda le Dolomiti ho eseguito inizialmente una totale ricolorazione partendo come base dal Trentino di Raimondo Taburet del progetto ItalVfr, che sta realizzando con grande maestria, disponibile sul sito fsfile.com. Poi con uno studio molto accurato ho messo a punto una nuova soluzione grafica per le pareti verticali (incubo per chi fa scenari da ortofoto) delle Dolomiti con buoni risultati che vedrete nei prossimi post. Insomma cercherò di rendere il Blog aggiornato con nuove foto e video ed inoltre metterò anche il link per eventuali download ...tutto il materiale sarà sempre free!!

Scenari Alpini per FSX


Scenari Alpini per Flight Simulator X creati per gli appasionati simmers da Frank
dalle Alpi Occidentali, Alpi Centrali alle stupende Dolomiti Trentine e Bellunesi