mercoledì 30 aprile 2008

M.Bianco: una bella serie di immagini

Prima del ponte di Maggio, un bel po' di immmagini...il progetto continua spedito, penso entro la prossima settimana di fare sia il video che l'upload.
Come vi dicevo , lo scenario è limitato alla zona della cima con sviluppo verso sud_sud-est (versante Italiano) e Est (m.Maudit e M.Blanc du Tacul)con piccola parte in territorio francese.
Inizio la serie di immagini con una bella visione dalla cabina del Cessna:

In pratica qui si vede l'estensione dello scenario dalla cima verso Est fino al M.Blanc du Tacul, la cima sud del Bianco è riferita alla cima italiana (detta M.Bianco di Courmayeur). Sotto una bella vista dell'Aiguille Noire e dell' Aiguille Blanche de Peuterey.

Visibile anche il famoso pilone centrele del Bianco, grande via alpinistica.
Sotto un'altra visione analaga ma con in primo piano il "tribolato" ghiacciaio della Brenva, che si estende dalla base fino alle pendici del M.Maudit.

Nella prossima immagine l'aereo si dirige dritto verso la base del M.Bianco versante EST, sempre bella la vista sull'Aiguille Noire (la punta a destra).

E finalmente entriamo nella zona ghiacciata della cima del Bianco (l'ultima misura ufficiale del 2007 è di 4810,90 mt.)

Siamo nel versante EST tutto italiano.
Sotto, una bella vista dalla cabina, visto il riverbero della neve ci vogliono di certo gli occhiali scuri, verso il M.Maudit e la cima del Bianco.

Un 'ultima immagine del M.Maudit (versante italiano roccioso), qui termina il ghiacciao della Brenva (tutto italiano)

A questo punto, penso che vi siete fatti un'idea abbastanza esauriente di questo scenario. Mancano alcune zone periferiche e le solite rifiniture qua e là...
nei prossimi giorni un po' di svago e qualche altro impegno , poi per la prossima settimana penso di terminare. Aspettavo qualche commento già ieri, ma vedo che siete molto restii e un po' allergici ai commenti (eccetto il buon Vigilius e wilm)...mi raccomando...
Buon ponte!

martedì 29 aprile 2008

M.Bianco versante Italiano:altre immagini

Il progetto prosegue, come vi dicevo questa prima fase sarà limitata al versante Italiano e comprenderà la parete Sud-Est del massiccio fino al Mont.Maudit e M.Blanc du Tacul. Si tratta comunque di una zona abbastanza ampia, paragonabile ad uno scenario dolomitico completo (tipo Civetta). Il materiale fotografico è molto dettagliato, mi pernmette di ottenere un risultato di grande impatto visivo, ecco alcuni esempi :

Il versante italiano, parete sud-sud-est, a destra è visibile Aiguille Blanche de Peuterey alta 4112 mt. subito sotto al Bianco.
Sotto un'altra bella vista della stessa zona :

L'ultima immagine di questa sera, ripresa un po' più in basso con una bella vista dell'Aiguille Noire (la punta a destra), una delle più difficili scalate su roccia del gruppo:

Come vedete lo scenario è molto dettagliato, richiede molta attenzione nell'applicazione delle texture fotografiche, usando il mio metodo si riesce ad ottenere una buona fedeltà al reale e, considerando che ci troviamo in uno scenario di un simulatore di volo e non in un programma 3D, direi molto soddisfacente.
A voi i commenti...

lunedì 28 aprile 2008

M.Bianco: "lavori in corso"

Ieri sera e questa sera ho iniziato il vero e proprio lavoro di applicazione delle texture fotografiche al "foglio di lavoro". E' un lavoro da certosino, occorre pazienza e molta precisione, non è, come può sembrare, un semplice "taglia e incolla", va studiata la pendenza e l'inclinazione del pezzo che si vuole apllicare, basandosi ovviamente sulla foto reale.
Pensate che per apllicare le texture solo alla cima, per il M.Bianco è il blocco di roccia e ghiaccio che sovrasta la Val Veny e il lago del Miage, occorre quasi un ora, tra prove e verifiche.
Vorrei sottoporre alla vostra attenzione alcune immagini per vedere meglio le differenze tra le varie versioni, come unico punto in comune le mesh LOD11:
La prima foto riguarda il default di FSX con le LOD11:

Direte voi, il vero M.Bianco...più Bianco di così...(no comment)
La seconda foto è esattamente la stessa Cima con lo scenario di ItalVfr di Raimondo:

Qualche accenno al photoreal ma che dipende dalla bassa risoluzione dell'ortofoto usata, ancora lontani dalla montagna che conosciamo.
La terza foto è la mia prima versione, interessava tutto il massiccio, un lavoro di grandi dimensioni, che risente della poca esperienza...maturata più avanti.

Vista da un po' lontano o in un'immagine piccola si nota meno la sfocatura e si intravvede abbastanza bene la caratteristica della roccia...vista da vicino purtroppo la resa è nettamente inferiore.
Ed ecco la prima immagine della nuova versione, (non è ancora definitiva):

Penso che ci sono pochi commenti da fare, la differenza è molto visibile con le altre foto...direi che questa sembra una foto reale, in realtà è un 3D inserito in un panorama fatto per un simulatore di volo!!...non per panorami 3D! (ogni tanto occorre ricordarlo).
il lavoro procede...vi terrò aggiornati sui progressi.

domenica 27 aprile 2008

nuovo scenario M.Bianco: prime impressioni

Sua Maestà il M.Bianco...meritava un buon restyling, insomma un "bel vestito".
La prima versione, molto travagliata perchè costruita con pochi mezzi, era limitata dalla risoluzione di 2 mt./pixel (tipica di ItalVfr), ma aveva già un inizio di photoreal, era in effeti un primo timido tentativo di utilizzare qualche foto reale.
Riguardando le ortofoto mi sono anche accorto di scarsa qualità del dettaglio, quindi con pazienza ho iniziato ad usare il mio nuovo sistema grafico (come per il M.Viso),ingrandendo l'ortofoto e prendendo solo i punti di riferimento della montagna con le coordinate per la georeferenza. In pratica un foglio di lavoro molto grande (possibile grazie al mio monitor HD da 30"). Dovrò separare il lavoro in più parti, concentrerò, per ora,l'attenzione al versante italiano, quello di Courmayuer.
La mia intenzione è quella di sviluppare uno scenario ad altissima risoluzione, con l'aiuto di buone foto molto dettagliate e spingermi tra i 25-50 cm./pixel che , per una montagna di queste dimensioni, vuol dire dettaglio "impressionante". Le mesh LOD11 saranno la mia base di lavoro, la "fisionomia" della montagan è ben riprodotta, certo che mancheranno le famose "guglie" del M.Bianco, troppo affilate e non comprese nella griglia dei 19 mt.
Ecco la mappa di lavoro :

La linea rossa è il confine Italo-Francese mentre la linea gialla indica il primo foglio di lavoro, in pratica la zona Italiana che va dalle pendici Sud-Est e seguendo il ghiacciao della Brenva arriva fino al Mont Maudit... insomma il progetto M.Bianco è partito, si preannuncia molto interessante!!

venerdì 25 aprile 2008

a grande richiesta: il video dell'Everest

In effetti non tanti sono riusciti a vedere il video dell'Everest, anche se con una qualità non al top, almeno è possibile dare un'occhiata a questo spettacolare scenario.


...Ritornando a noi, dopo il Monviso...sto riprendendo le nostre grandi Alpi della Val d'Aosta, a cominciare dal M.Bianco (versante Italiano); la prima versione ormai risale a qualche mese fa, in questa prossima farò un tentativo: una risoluzine ancora più spinta e un massiccio uso di fotografie con alto dettaglio...insomma sarà una versione, limitata come estensione ma "ultra-real"...

mercoledì 23 aprile 2008

Monviso: completo e in Download

Anche il Monviso farà la sua apparizione in pubblico...con il "vestito nuovo", confezionato dal "sarto esclusivo".
Come detto non è stata utilizzata nessuna ortofoto in modo esplicito, ma solo consultate per avere tutti i riferimenti necessari. Si tratta del primo scenario fatto interamente in questo modo. Per chi avesse lo scenario Piemonte di Italvfr consiglio di eliminare solo il file "pie_31.bgl", potrebbe creare qualche conflitto, per gli altri non vi sono problemi, le zone periferiche sono sfumate per una transizione "dolce".
Ecco altri screenshots del Monviso:

Vista da Nord, la parete più spettacolare, sotto una visione da Ovest, in parte quella che si vede dal versante Francese.

Il versante Est è quello più visibile, la forma del Monviso conosciuta è in pratica quella del versante Est. Il nome Monviso (una volta era staccato Monte Viso) derivava proprio dalla sua grande "visibilità" anche da grandi distanze. Ricordo personalmente quando ho salito il Gran Paradiso di averlo molto ben distinto all'orizzonte.

Il versante Sud, meno conosciuto, ma dove si svolge la salita "normale" alla cima. Meno bello esteticamente ma molto selvaggio.

Sotto inserisco la mappa della zona per una più facile localizzazione, ricordo che siamo in Piemonte nella zona Sud-Ovest:

Ed ecco il link per il download dello scenario. Per l'installazione non ci sono difficoltà particolari, sempre con lo stesso metodo: creare una cartella "Monviso", una subcartella "scenery" e inserire in quest'ultima i files bgl.
Buon volo sul Monviso!!

lunedì 21 aprile 2008

Monviso: in video

Quasi concluso il versante Sud ed Ovest, ed ecco un video dimostrativo, il solito tour attorno alla montagna, il video è in wmw, se non avete IE ma altri browser potrebbe chiedervi di aggiornare il plugin di flash - wmw


Nelle prossime sere lo concluderò del tutto con rifiniture, sfumature ...poi metterò altre immagini e infine seguirà il link per il download dello scenario.

sabato 19 aprile 2008

Monviso: le prime immagini

Dopo un bel lavoro di applicazione texture, utilizzando il solito metodo e come detto senza utilizzare le ortofoto in modo esplicito ma solo consultivo, ecco le prime immagini del Monviso, visto da Nord :

Direi che rende bene, l'immagine del versante Nord è molto spettacolare.
Sotto l'immagine del classico versante EST, quello più conosciuto, è anche la visione più vicina a quella che si ha da Torino:

Come vedete il risultato del mio nuovo metodo è molto "realistico", il lavoro ovviamente è un po' più impegnativo, ma sempre possibile.
Nei prossimi giorni completerò sia il versante Ovest che quello Sud.
Alcuni mi hanno chiesto se questo sistema è possibile per altre zone, senz'altro sì! Molto più adatto per zone di montagna dove non vi sono abitazioni e non è necessario autogen o quant'altro.

venerdì 18 aprile 2008

Mon Viso: work in progress

Qualche serata di lavoro molto intenso. Allora vista l'impossibilità di utilizzare le ortofoto per la zona del Mon Viso (pessime come photoreal), viste anche le problematiche che le stesse ortofoto possono creare (sul loro utilizzo), ho deciso di cambiare metodo per la creazione degli scenari alpini. In pratica senza l'uso esplicito delle ortofoto...come è possibile? Ho studiato vari sistemi e poi ho deciso di utilizzare il più adatto. Ecco quale: le ortofoto sono solo "consultate" e prese solo come riferimento e georeferenza (coordinate), dopo di che viene preparato un "foglio di lavoro" con tutti i punti e le linee di riferimento per la creazione dello scenario. Ecco l'esempio di un foglio di lavoro per il M.Viso:

Sembrano linee un po' casuali, ma in realtà come base di lavoro sono precise. Nella seconda fase inizia la vera e propria creazione dello scenario. Qui ci vuole molta mano ed esperienza, in pratica la precisa elaborazione delle texture da applicare al "foglio" basandosi su foto vere molto dettagliate. Come avevo già spiegato in altre occasioni, sfruttando una trasformazione prospettica e un po' di geometria proiettiva (che qualche amico chiama simpaticamente le "tue diavolerie grafiche"), insoma il risultato del lavoro che sto ultimando in questi giorni è questo:

A breve metterò i primi screenshots del risultato in FSX...siamo in pieno work in progress.

lunedì 14 aprile 2008

La Montagna del grande Fiume

Chi non ricorda già ai tempi delle elementari, la famosa domandina di Geografia:" dove nace il PO ? "...Sì il Mon Viso! Una bella montagna alta 3841 mt. tutta Italiana, la più alta del Piemonte e famosa per la nostra Pianura Padana proprio perchè dalle sue pendici nasce il grande fiume.
Certo che dopo l'Everest...c'è una bella differenza, ma le dimensioni delle montagne italiane sono più alla mia portata. Alllora mi sono documentato e ho fatto una prima ricognizione di come si vede nello scenario del Piemonte di Raimondo. Qui la prima delusione, purtroppo nulla di reale , una montagna di "marmo" una "piramide bianca desolata", un po' come le dolomiti...come potete vedere qui sotto:

Certo che con questa vista (anche l'aereo sembra "stordito") mi aspetta un bel impegno!!...come se non bastasse sono andato a controllare le ortofoto a disposizione e qui un'altra brutta sorpresa, questa è la ortofoto di MsVe:

Quasi incomprensibile e purtroppo è la stessa che ha utilizzato Raimondo, sono andato a controllalre il GoogleEarth, guardate un po':

ci sono pochi commenti da fare...senz'altro inguardabile e soprattutto inutilizzabile, anche per l'amico Antonio in FS Earth Tiles.
L'unica speranza è il materiale fotografico che ho raccimolato qua e là in rete ...e allora ...non mi resta che una bella rimboccata di maniche e via...inizio il "progetto MON VISO"...e a questo punto...fatemi gli auguri!

domenica 13 aprile 2008

Ritorno in Italia

Allora sono passati ormai 2 giorni dalla "conquista dell'Everest". Pensate, dagli amici Americani ho avuto molti complimenti e oltre 1400 download in poche ore, una bella soddisfazione! Volevo precisare ancora alcune cose riguardo all'installazione. Originariamente, per evitare confusione, avevo suggerito di tenere separate le 2 cartelle (Everest P1 e P2)con i files bgl (che tra l'altro sono numerati da 1 a 10), dopo qualche richiesta di spiegazione, preferisco la soluzione con un'unica cartella come spiegato da questa immagine:

Se sullo scenario compaiono macchie e strisce d'acqua strane, dipende solo dai settaggi di FSX, in questo caso bisogna mettere OFF (zero) l'effetto acqua ed eventuali altri effetti (riflessi e quant'altro), non dipendono dalla qualità dello scenario.
L'effeto "blurries", cioè la sfocatura delle texture in lontananza, vecchio e annoso problema di FSX, come sapete non dipende dalla grafica dello scenario, occorrono diversi settaggi e alcuni dicono (non confermato) anche dai driver delle schede video (alcuni amici mi dicono meglio Nvidia che ATI per questo problema).
Un'ultima cosa, esiste e FREE uno scenario della stessa zona dell'Himalaya (fatta per FS9) con una risoluzione inferiore ma sempre accettabile. L'ho provata e mi pare buona anche la compatibilità, grazie alla zona periferica sfumata del mio scenario, per chi è interessato basta cercare su Avsim.com lo scenario Everest di Holger Sandmann.

Insomma...vi ho fatto andare sull'Everest, il tetto del mondo!...sarete pur contenti!!!

venerdì 11 aprile 2008

Spedizione Himalajana terminata: EVEREST raggiunto ...in Download


Anche l'Everest è terminato. E' stato un gran scenario, molto impegantivo e complesso.
Sono riuscito con un buon metodo di compressione senza perdere qualità (almeno non sensibile) a ridurre il download a 140 MB circa, diviso in due parti (purtroppo pochissimi server Free accettano files superiori a 100MB). Allora lo scenario come dicevo, occupa uan grande zona, dall'Everest al Nuptse e Lhotse e una buona parte della aerea periferica. E' perfettamente compatibile con lo scenario dell'Aerosoft, in questo caso va messo in priorità più alta, la zona periferica è sfumata per evitare lo stacco troppo deciso con lo scenario di default di FSX (vale anche per lo scenario LuklaX dell'Aerosoft). Per l'installazione , niente di più facile, una volta recuperate (dallo Zip) le cartelle Everest P1 e P2 basta ricopiarle nella directory addon scenery così come sono (già contengono la cartella scenery con i files bgl), poi ricordarsi di attivare le due cartelle nella libreria scenari sempre con la priorità Everest P1 prima e Everest P2 dopo. Indispensabili le mesh dell'Everest che trovate qui per poter godere al massimo lo scenario come dalle mie foto!!
Ecco la mappa per una facile localizzazione dell'Everest, parte da Lukla e seguire le indicazioni.

Quindi riassumendo : dopo il download delle due cartelle inserire le stesse nell'addon-scenery e poi attivarle nella libreria scenari in priorità P1 e poi P2.
Aggiungere nella stessa libreria le mesh dell'Everest che vi ho indicato, anche in una cartella separata (chiamatela mesh Everest).

Ecco L'Everest P1 link
e l'Everest P2 link
Sto anche facendo l'upload sul sito Avsim.com per gli amici Americani.
Per ora ...Buon volo ...sull'EVEREST!!!!

mercoledì 9 aprile 2008

Everest quasi ultimato

Ormai manca poco alla pubblicazione dello scenario più impegnativo nella mia esperienza di "sceneggiatore per FSX". E' stato un grosso impegno e anche le dimensioni dello scenario sono notevoli. Questa sera lascio parlare alle immagini che spero vi piacciano.
Iniziamo con una bella immagine dall'aereo (il Beechcraft Baron)

Altra immagine nella zona alla base delle due pareti Everest e Lhotse

Una lato poco conosciuto e poco frequentato, il versante EST

La zona del campo base nel versante Nepalese per salire sul versante Sud-Ovest dell'Everest e Lhotse

E come ultima immagine un bellissimo primo piano del Nuptse alla base dell'Everest


Adesso manca solo la pubblicazione. Purtroppo, per poter godere della massima risoluzione possibile, ho dovuto lasciare le dimensioni dei files come d'origine, in tutto appena sopra a 500 MB. Ho provato alcune soluzioni con diverso grado di compressione con risultati non ottimali. Ho in programma questo fine settimana di tentare un ultimo metodo, se funziona, la pubblicazione sarà immediata, in caso contrario dovrò trovare un server adatto alle dimensioni attuali. (non semplice)
Se avete qualche suggerimento...sarebbe motlo gradito!

sabato 5 aprile 2008

IL video dell' EVEREST


Purtroppo non avendo più la possibilità di avere un buon streaming-video in diretta, ho provato sia google-video (youTube) ed altri Hosting-video dalla qualità "orribile", mi sono dovuto accontentare di un normale upload da Zshare (strausatissimo) ma dalla qualità almeno accettabile.


Il video è di soli 54 Mb dura pochi minuti, ma vi fa "assaggiare" uno scneario spettacolare!
ecco il link al video
e Buona visione!!

giovedì 3 aprile 2008

continua...

Beh! in effetti non sapevo che titolo dare a questo post... So che da Frank aspettate scenari, scenari e poi scenari, ma sono un po' in difficoltà per vari problemi. Come avete capito, ho ricevuto tanto di conferma, i server dove sono inseriti tutti i miei video e tutti gli scenari saranno OFF a metà aprile. Brutta notizia, anzi chi ancora avesse qualche scenario da "scaricare" lo faccia subito, sto cercando di trovare delle soluzioni alternative. Chi naviga facilmente in rete magari ha già trovato la Marmolada anche su Avsim.com, in effetti ho provato a caricare nel loro server almeno l'ultimo scenario, poi deciderò per i prossimi...
Riguardo alla "spedizione Himalajana" per ora ho deciso di sospenderla, proprio per capire come procedere, ci sono anche altre situazioni che vorrei chiarire prima di eventuali pubblicazioni.
Non preoccupatevi che Frank ripartirà presto...almeno una bella immagine dell'Everest
eccola:

Sto facendo un video dello scenario e appena riuscirò a inserirlo in qualche Server adatto lo pubblicherò...almeno il video!!

martedì 1 aprile 2008

Qualche problema

Vedremo come risolvere il problema dei link agli scenari. A presto purtroppo i server dove sono contenuti tutti gli scenari e i video saranno OFF. (notizia di questi giorni e per cause non previste).
Sto raccogliendo informazioni per poter dare una risposta ai tanti simmers interessati ai download . Fino a circa metà aprile i server dovrebbero funzionare.
Se malauguratamente dovesse succedere il peggio, cercherò di caricare piano-piano tutti gli scenari fatti (magari con qualche revisione)in qualche altro server affidabile.
Questo problema fa ovviamente slittare più avanti tutti i programmi previsti, compreso anche la "spedizione Himalajana"....I am sorry!!